#news

Grazie alle soluzioni tecnologiche avanzate fornite da Cloudflare, ora Pangoly è disponibile a servire richieste anche con l'ultimo protocollo HTTP implementato: HTTP/3, già noto come HTTP-over-QUIC.


Che cosa è l'HTTP

HTTP (HyperText Transfer Protocol) è il protocollo su cui si basa il World Wide Web. Sviluppato da Tim Berners-Lee e dal suo team tra il 1989-1991, l'HTTP ha visto molti cambiamenti, mantenendo la maggior parte della semplicità e plasmando ulteriormente la sua flessibilità. HTTP si è evoluto da un protocollo iniziale per lo scambio di file in un ambiente di laboratorio semi-trusted, al moderno labirinto di Internet, portando immagini, video in alta risoluzione e 3D.

HTTP/2: un protocollo orientato alle performance

Nel corso degli anni, le pagine Web sono diventate molto più complesse, diventando anche applicazioni a sé stanti. Anche la quantità di supporti visivi visualizzati, il volume e le dimensioni degli script che aggiungono interattività, è aumentata: molti più dati vengono trasmessi su un numero significativamente maggiore di richieste HTTP. Le connessioni HTTP/1.1 richiedono che le richieste vengano inviate nell'ordine corretto. Teoricamente, si potrebbero utilizzare diverse connessioni parallele (in genere tra 5 e 8), portando notevole sovraccarico e complessità. Ad esempio, il pipelining HTTP è emerso come un onere delle risorse nello sviluppo Web.

Nella prima metà degli anni 2010, Google ha dimostrato un modo alternativo di scambiare dati tra client e server, implementando un protocollo sperimentale SPDY. Questo ha suscitato l'interesse degli sviluppatori che lavorano su entrambi i browser e server. Definendo un aumento della velocità di risposta e risolvendo il problema della duplicazione dei dati trasmessi, SPDY è servito come base del protocollo HTTP/2.

Il protocollo HTTP/2 presenta diverse differenze principali rispetto alla versione HTTP/1.1:

  •     È un protocollo binario piuttosto che testo. Non può più essere letto e creato manualmente. Nonostante questo ostacolo, ora è possibile implementare tecniche di ottimizzazione migliorate.
  •     Si tratta di un protocollo multiplexed. Le richieste parallele possono essere gestite tramite la stessa connessione, rimuovendo l'ordine e bloccando i vincoli del protocollo HTTP/1.x.
  •     Comprime le intestazioni. Poiché questi sono spesso simili tra un set di richieste, questo rimuove la duplicazione e l'overhead dei dati trasmessi.
  •     Consente a un server di popolare i dati in una cache client, in anticipo rispetto all'essere necessario, tramite un meccanismo denominato push del server.

HTTP/3: il futuro

HTTP/3 è la nuova generazione della famiglia di protocolli HTTP. Questa versione è simile a HTTP/2 nelle funzionalità, ed è diversa rispetto al suo predecessore principalmente dal fatto che HTTP/3 sarà implementato solo tramite QUIC.

QUIC è un nuovo protocollo di trasporto affidabile che potrebbe essere visto come una sorta di TCP di nuova generazione. I flussi QUIC condividono la stessa connessione QUIC, quindi non sono necessari handshake aggiuntivi e avvii lenti per crearne di nuovi, ma i flussi QUIC vengono recapitati in modo indipendente in modo che nella maggior parte dei casi la perdita di pacchetti che interessa un flusso non influisce sugli altri. Ciò è possibile perché i pacchetti QUIC sono incapsulati su datagrammi UDP.

L'obiettivo del nuovo protocollo sarà garantire un'esperienza web più veloce, più affidabile e più sicura per tutti.

 

Link correlati